contatore visite free skip to Main Content
info@salernoeconomy.it

Salerno Economy VII.31- 03.08.2018

Il profilo qualitativo dell’offerta territoriale che emerge dalle opinioni espresse dai turisti provenienti dall’estero.

La “sindrome” del ritorno non basta

Oltre il 30 per cento dei visitatori stranieri giunti nel 2017 ha già alle spalle due o tre esperienze – evidentemente positive – in provincia di Salerno.
Immagine turismo Glocal
Flussi di viaggiatori in entrata in aumento
Questo articolo è stato pubblicato nella sua prima versione sul quotidiano Il Mattino (edizione Salerno) mercoledì 25 luglio.

di Paolo Coccorese e Ernesto Pappalardo

L’analisi del rapporto tra il territorio della provincia di Salerno ed i flussi di visitatori provenienti dall’estero consente di entrare nel merito delle dinamiche di un segmento dell’economia locale estremamente importante sia dal punto di vista della composizione del Pil che sul versante delle opportunità occupazionali. Delineare con precisione i punti di forza e quelli di debolezza - che evidentemente possono estendersi anche all’offerta destinata al mercato interno - non è soltanto un esercizio statistico, ma il tentativo di mettere a fuoco le criticità (e le potenzialità) sulle quali lavorare per innalzare il tasso (già consistente) di competitività.

Leggi Tutto

L’Indagine campionaria realizzata con cadenza annuale dalla Banca d’Italia.

Il voto dei turisti stranieri? Oltre il nove

Nel 2017 britannici più numerosi tra quelli che hanno soggiornato in provincia di Salerno (21,8%), seguiti da statunitensi (14,4%) e tedeschi (12,6%).
Costiera Amalfitana-Numeri Economia
Costiera Amalfitana al top
Questo articolo è stato pubblicato sul quotidiano Il Mattino (edizione Salerno) mercoledì 25 luglio.

di Paolo Coccorese e Ernesto Pappalardo

Età 45-64 anni, tempo di permanenza 6-8 giorni, preferibilmente alloggiato in albergo, di ritorno in provincia di Salerno per la terza o quarta volta, di nazionalità inglese, statunitense o tedesca. E’ questo l’identikit del turista straniero (dati Banca d’Italia) che mediamente sceglie il nostro territorio per le sue vacanze. Un turista, generalmente, molto soddisfatto della qualità dell’accoglienza e delle opportunità di entrare in contatto con un patrimonio paesaggistico, ambientale, artistico ed enogastronomico con pochissimi termini di paragone al mondo.

Leggi Tutto

L’analisi dei profili normativi del Decreto Legge n.87 del 12 luglio 2018.

Contratti a termine, ecco come cambiano

Tra le principali innovazioni la reintroduzione di una valida causale che non viene considerata soltanto quando la durata del termine di scadenza è inferiore ai dodici mesi.
Lavoro contratti a termine
Argini alla precarizzazione?
di Remo Roscigno*

Il Decreto Legge n.87 del 12 luglio 2018, fortemente voluto dal Ministro del Lavoro Luigi Di Maio, appare in parziale controtendenza rispetto alla volontà espressa dal legislatore negli ultimi anni. Uno dei cambiamenti che ha suscitato molte perplessità è la reintroduzione dell’obbligo della causale nei contratti a termine (cioè di quelli che hanno una scadenza). A ben vedere negli ultimi anni questa tipologia è stata molto utilizzata anche per l’insuccesso di altre forme contrattuali (vedi i voucher e i nuovi Presto). Dopo il decreto è sorto, quindi, un dibattito molto intenso tra chi - come Confindustria - ritiene che queste forme contrattuali non debbano essere modificate e chi - come il Governo – pensa che l’uso spropositato alimenti il precariato. Vediamo, in sintesi, quali sono i maggiori cambiamenti che si ravvisano in questa tipologia di contratti alla luce della nuova normativa.

* Dottore commercialista
Leggi Tutto

Si conferma molto ampio il cartellone di spettacoli per appassionati (e non) nella nostra provincia.

Agosto, il teatro arricchisce la vacanza

Tre proposte per i giorni di pausa: Teatrando al Quadriportico (Salerno), Barbuti Festival (Salerno), Positano teatro Festival (Positano).
Immagine cartellone teatrale
Su il sipario!
di Laura Maiellaro

Salernoeconomy propone per gli amanti del teatro (e non solo) una serie di spettacoli che si svolge nella nostra provincia nel mese di agosto. Tre proposte da non perdere: Teatrando al Quadriportico (Salerno), Barbuti Festival (Salerno), Positano teatro Festival (Positano). Per tutti gli appassionati ci sarà un folto numero di spettacoli teatrali nel cuore del territorio salernitano. Si va dal Quadriportico della Chiesa di Santa Maria delle Grazie alle piazze della bellissima Positano, per fermarci, infine, nella bellissima cavea naturale di Santa Maria dei Barbuti. L’obiettivo comune di tutte queste rassegne è far conoscere l’arte teatrale ai giovani e ai meno giovani.

Leggi Tutto

Il rapporto Ismea sulla competitività. Il valore delle attività secondarie si calcola in 4,5 miliardi di euro.

L’agriturismo “spinge” l’agricoltura

Si conferma la tipologia più efficace di diversificazione nel comparto primario, affermandosi come uno dei segmenti di maggiore successo del circuito dell’ospitalità e dell’enogastronomia nazionale.

Green Style agricoltura
Parola chiave: multifunzionalità
I numeri sono importanti e confermano la dinamicità del settore primario, oltre che la sua capacità di rinnovarsi e di elevare il livello di competitività. “Con un valore di 4,5 miliardi di euro delle attività secondarie agricole, come l’agriturismo, le vendite dirette e la produzione di energie rinnovabili, quella italiana si rivela l’agricoltura più multifunzionale d’Europa”. È questo uno degli aspetti prioritari che emerge dal rapporto sulla Competitività dell’agroalimentare italiano realizzato da Ismea. “L’agriturismo in particolare - si legge in una nota di sintesi - rappresenta una specificità italiana che dal suo esordio negli anni ’70 ha avuto un notevole sviluppo, affermandosi come la tipologia più efficace di diversificazione dell’attività agricola e diventando allo stesso tempo uno dei comparti più di successo del turismo italiano. Alla fine del 2016 si contavano 22.661 strutture agrituristiche in Italia, quasi 5.000 in più rispetto al 2007 e uno stock in costante crescita negli anni, con un lieve rallentamento solo nel biennio 2012-2013, quando la crisi economica e il riordino della normativa a livello regionale hanno inciso anche sullo sviluppo di questo settore”.
Leggi Tutto

Back To Top
Cerca