contatore visite free skip to Main Content
info@salernoeconomy.it

Che giorno fa

La notizia del giorno »



La foto dei sindaci di Capri e Anacapri, che invitano i turisti ad “invadere” nuovamente l’isola del Mito e della Bellezza, ha conquistato tutti i media, ma il messaggio “liberatorio”, dopo un anno di pandemia, va approfondito e meditato. Non posso, per esempio, non segnalare che nessuna frammento della lezione di Ugo Marano - a Capri nel 2000 - preparata per giovani architetti provenienti dalla North London University, è stato, in qualche modo, illuminato durante la conferenza stampa. Allora Ugo Marano, forse ispirandosi al pensiero di Joseph Beuys, elaborò un grande manifesto/lavagna per introdurre una critica radicale al tema del turismo come unica risorsa per la divina Isola; nel manifesto vi era anche una proposta d’amore per realizzare un’utopia concreta, capace di parlare agli studenti di un nuovo “strutt-turismo”. Ridimensionando l’idea del flusso crescente di visitatori/turisti, per l’artista, bisognava spingere verso un nuovo target di residenti equivalenti e di viaggiatori “esperenziali”, con una curiosità culturale profonda. Ecco una sintesi del testo poetico, utopico, radicale e concettuale. “Capri come Venezia, come Manhattam come Tokyo/Capri Isola felice/diamante luminoso dell’Universo/piena di intrusioni vaganti dei nuovi Vip, specialisti di nuovi riti/ per queste anime vaganti/ un popolo di eletti si è rassegnato in un esercito di servienti a vita/ angeli nati per gioire hanno perso il sorriso/ perciò i poeti, i filosofi , gli scienziati, i ricercatori , gli artisti non verranno più”.
(continua)
Continua

L'altra notizia »



“L’accelerazione sulle vaccinazioni vale 350 milioni al giorno per la ripresa anticipata nei consumi con un effetto positivo a valanga sull’economia e sull’occupazione”. E’ quanto sottolinea la Coldiretti “in riferimento al potenziamento della campagna vaccinale con l’estensione ai quarantenni che avvicina l’obiettivo del raggiungimento dell’immunità di gregge. Un andamento che spinge le previsioni ottimistiche di Bruxelles con il Pil dell’Italia stimato in crescita del 4,2%, più di quello della Germania”. Il passo in avanti nella campagna di vaccinazioni “è strategico per salvare l’economia e le attività collegate a partire da alberghi e ristoranti - evidenzia la Coldiretti - che sono i più colpiti con un calo dei fatturati del 40,2% nel 2020 seguiti dai trasporti che si riducono del 26,5% e dalle spese per ricreazione e cultura che scendono del 22,8%, ma in media i consumi diminuiscono dell’11,8%”, (analisi Coldiretti su dati Istat relativi al 2020). Diventa, quindi, “strategico l’arrivo del pass vaccinale per sostenere il turismo nazionale ed estero ma occorre anche superare il coprifuoco e assicurare la possibilità di apertura all’interno dei locali per il servizio al tavolo e al bancone in bar, ristoranti, pizzerie ed agriturismi in tutta Italia”.
In questo momento “circa la metà delle attività di ristorazione ha potuto riaprire sulle 360mila presenti lungo tutta la Penisola, stremate dalle chiusure obbligate, dallo smart working e dall’assenza del turismo”.
(Fonte: coldiretti.it/ 13.05.2021)

Continua

GLOCAL di Ernesto Pappalardo »

Glocal-Politica

Ma la corsa dei partiti (senza freni) è già iniziata

Più ci avviciniamo verso il ritorno alla piena normalità, più prendono forma i tanti “racconti” protesi a delineare, in qualche modo, il merito - presunto, dedotto ma, forse, mai realmente constatato - dei tanti “protagonisti” oggi così presenti nei flussi di comunicazione che ci avvolgono. Sembra quasi che, in questa fase regressiva della politica, i partiti (molti suoi rappresentanti) non abbiano ancora messo a fuoco il percorso da compiere, l’esatta linea comportamentale da mantenere. Probabilmente, il fatto di avere perso - fino a un certo punto - il cosiddetto potere dominante li ha resi ancor più privi di una base valoriale considerata invalicabile. In questo confuso contesto diventa, quindi, più complicato del solito per il cittadino “semplice”, inerme di fronte alla confusione sempre più consistente, comprendere bene ciò che sta accadendo e che accadrà. Tutto si restringe alla deduzione delle cose che si susseguono, provando a farsi un’idea non contraddittoria (forse) rispetto al quadro che si delinea, scavando dubbi e non profilando alcuna certezza.
(continua)

I numeri dell'economia »

Lo Speciale 1-Illegalità-money-laundering-1963184_960_720

Prestiti richiesti dalle famiglie, crescita boom ad aprile

E’ un vero e proprio boom quello della domanda di liquidità proveniente dalle famiglie. “Rispetto al corrispondente mese del 2020, che era stato fortemente condizionato dal lockdown totale, nel mese di aprile si registra un notevole incremento delle richieste di prestiti, rafforzando l’andamento positivo di marzo dopo che i primi due mesi del 2021 erano partiti con il freno a mano tirato”. È questo il quadro delineato dall’analisi registrata sul Sistema di Informazioni Creditizie di Crif, “che segnala una crescita complessiva del +207,4%, nell’aggregato di personali e finalizzati”. Come si spiega il rimbalzo riscontrato? “Sono stati sicuramente i prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi, che nell’ultimo mese di osservazione hanno fatto segnare un +329,7%, confermando la crescente propensione delle famiglie italiane a far fronte a nuove spese con il sostegno di un finanziamento. Un forte aumento viene registrato anche dalle richieste di prestiti personali, sia rispetto a marzo che rispetto al corrispondente mese dello scorso anno (+116,3%)”.
(continua)

Lo speciale »

Foto Lo speciale -P. Persico+Sorella

Ancora giorni di gioia, con ibridazioni genetiche (e culturali)

di Pasquale Persico

Bob Martin, lo scienziato amico, che l’aveva accolta a Washington, e sua moglie erano arrivati a Venezia da qualche giorno, come ogni anno. Essi amavano Venezia, la casa in fitto, la spesa nei mercatini, le passeggiate nei luoghi lontani dal turismo di massa; la vita vissuta a Venezia come pausa urbana rigeneratrice. Quell’anno due motivi in più, per l'anziano scienziato: sua moglie presentava il libro che lei aveva scritto sulle persone che vivono negli Stati Uniti, ma che amano profondamente Venezia, la città che accompagna i loro pensieri; poi, in un intervallo possibile, volare fino a Napoli per rivedere la sua amica scienziata. Lo accolsi all’aeroporto con la scritta Mr. Martin sul mio petto, e lo accompagnai a casa di Graziella; il tempo del traffico mi consentì di approfondire la sua conoscenza di Venezia, per lui una città piena di luoghi vitali. Il buon caffè preparato da Graziella aiutò i due scienziati a rincorrere per il mondo i tanti ricercatori amici comuni, una sorta di inventario della ricerca genetica di frontiera. Poi, tutti insieme in ospedale, per il ciclo di radiazioni programmate.
(continua)

Green Style »

Radicchio-background-4011296_960_720

Sogni d’oro con mister radicchio

di Maristella Di Martino

Non solo gustoso in cucina, ma soprattutto uno scrigno di benefici per il nostro benessere. E, come tutta la frutta e la verdura di stagione, è l’alleato ideale non solo per affrontare la stagione fredda. Ci assicura sonni tranquilli grazie al triptofano, un elemento importantissimo che contrasta l’insonnia. Essendo povero di calorie, ma molto ricco di fibre e acqua, è il benvenuto nelle diete ipocaloriche per arricchire con il suo inconfondibile gusto amarognolo insalate, secondi piatti e contorni senza rimorsi. Oltre a regolarizzare l’attività intestinale, perché funge da depuratore naturale, favorisce la corretta digestione e mangiandolo facciamo un’ottima scorta di ferro, magnesio, fosforo, zinco e calcio assieme a vitamine come la C, la K e la E. Ossa, sistema nervoso e persino le vie respiratorie saranno al riparo.
(continua)

FOCUS on »


di Ernesto Pappalardo

A riflettere bene sulle conseguenze dei lunghi anni della crisi recessiva - e su quelle che potrebbero derivare dal nuovo rallentamento in atto - la fisionomia del sistema economico e produttivo della provincia di Salerno, per la verità, non ne esce eccessivamente male. Si cristallizza in un paradigma ben saldo da diversi decenni in termini di segmentazione del valore aggiunto con una netta “propensione” verso i servizi, il turismo, la ristorazione, l’accoglienza (dichiarata o sommersa). Come in tutte le altre aree del Mezzogiorno (ed in larga parte d’Italia) il manifatturiero in senso stretto accusa difficoltà, ma risponde come può. E cioè con casi virtuosi di aziende export e green oriented che rappresentano una minoranza ben agganciata alle catene della produzione del valore nazionale (ed in parte internazionale), a fronte, però, di una maggioranza che si barcamena, naviga a vista ed è di nuovo alle prese con percorsi di accesso al credito difficili (e molto onerosi in termini di costi). La regressione degli investimenti pubblici, naturalmente, influisce negativamente con maggiore efficacia (se possibile) anche su quelli privati e va a finire che pure strumenti interessanti come la Zona Economica Speciale (che ingloba i porti di Napoli, Salerno e Castellamare di Stabia e le aree retro-portuali) - sebbene in attesa dell’attivazione definitiva delle corsie veloci in termini di semplificazione amministrativa e di credito d’imposta - risentono di uno scarso appeal soprattutto nei confronti di imprese provenienti dall’estero o da territori almeno extra-regionali.
Continua
Back To Top
Cerca