contatore visite free skip to Main Content
info@salernoeconomy.it
http://www.ilraggiodilunasrl.com/
icea

“La citazione del giorno”

BES BAROMETRO ECONOMICO SALERNITANO

La notizia del giorno »


Firmata la convenzione relativa al piano di sviluppo per il cablaggio e la realizzazione di un’infrastruttura in fibra ottica nel territorio della città di Salerno. L’obiettivo è garantire una connessione ultrarapida, sicura ed efficiente attraverso l’infrastruttura realizzata interamente in fibra ottica. Questo l’obiettivo della convenzione siglata da Open Fiber - società compartecipata al 50% da Enel e Cassa Depositi e Prestiti - e dal Comune. Open Fiber prevede un investimento di circa 15 milioni di euro per la copertura della città entro 18 mesi dall’avvio dei lavori (che avverrà entro la fine del mese di novembre 2017). In totale saranno cablate 44mila unità immobiliari (tra famiglie e aziende) attraverso 26mila chilometri di fibra.
Continua

L'altra notizia »


L’emergenza sociale legata alla disoccupazione giovanile è stata al centro della riflessione promossa da Confindustria Salerno nel corso dell’assemblea pubblica. “La Campania è la prima del Sud perché ha fatto da acceleratore alle politiche economiche nazionali”, ha sottolineato il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, riferendosi alla crescita del Pil regionale. “È un bellissimo segnale - ha proseguito Boccia - ed è un messaggio di un paradigma di pensiero che in questo Paese deve cambiare. Prima decidiamo che cosa vogliamo definire nell'economia reale, poi individuiamo strumenti, quindi risorse e poi interveniamo sui saldi di bilancio".
Continua

GLOCAL di Ernesto Pappalardo »


Si sa che la politica ama appropriarsi sempre del lato buono della medaglia (vedi alla voce tasso di crescita del Pil con tutto il diluvio conseguente di dichiarazioni al limite del narcisismo mediatico). Di quello cattivo manco a sfiorarlo (nemmeno per caso fortuito). Eppure, l’analisi della Svimez (Rapporto 2017) è molto chiara in merito alla quantità e, soprattutto, alla qualità del lavoro nel Mezzogiorno. Va detto che nel 2016 “è proseguita la crescita dell’occupazione al Sud, con ritmi più accentuati rispetto al resto del Paese”. E che “gli occupati sono aumentati di 101 mila unità, +1,7%”, ma – ed è questo l’aspetto che è difficile rintracciare nelle dichiarazioni dei politici – “persiste il dualismo territoriale, essendo nel Mezzogiorno il tasso d’occupazione ancora lontano oltre 20 punti dalla media europea alla quale, invece, sono vicine le regioni del Centro /Nord (47% nelle regioni meridionali, 69% nel Centro-Nord)”.
Continua

FOCUS on »


Lo scenario. Lo stato di salute dell’economia campana nel 2016 ha mostrato segnali di miglioramento, ma non tali da allentare le preoccupazioni - nel breve e medio periodo – dal punto di vista reddituale ed occupazionale. Secondo diversi fonti analitiche la “ripresina” si è basata su una lieve espansione della domanda interna – che ha rilanciato in maniera disomogenea i consumi – e dell’export (prioritariamente incentrato sul segmento farmaceutico ed in seconda battuta sull’agroalimentare). Il dato che, comunque, fotografa la reale dimensione della situazione si sintetizza nel ritardo ancora ben consolidato del Pil rispetto al periodo pre-crisi (2007). Nel 2016 il prodotto interno lordo campano accusa ancora un -16% in relazione al Pil registrato dieci anni fa.
Continua
Back To Top
Cerca